Warning: unlink(/home/customer/www/alessandraclerle.it/public_html/wp-content/cache/wpo-cache/alessandraclerle.it/brand-identity-grafica/milena-kok/index.html): No such file or directory in /home/customer/www/alessandraclerle.it/public_html/wp-content/plugins/wp-optimize/cache/file-based-page-cache-functions.php on line 848
Milena, dove tutto è [ri]cominciato - Alessandra Clerle
Menu Chiudi

Milena, dove tutto è [ri]cominciato

C’era una volta una ragazza a cui piaceva tanto disegnare e fare grafica; lavorò in questo campo con entusiasmo e volontà, ma i progetti che le capitavano non erano particolarmente stimolanti o creativi. Dopo un po’ di anni dove le soddisfazioni non arrivavano, decise che quello non era il suo mestiere e mise nel cassetto la sua passione convinta di non essere capace e di odiare quel lavoro. Poi un giorno è arrivata Milena, che ha permesso alla ragazza di togliere la muffa dai suoi sogni e farli vivere di nuovo.

Nel caso non vi fosse chiaro, la ragazza è la sottoscritta, e per davvero alla fine del 2017 avevo iniziato a detestare il mio lavoro. Poi è arrivata Accademia della Felicità (e lo zampino di Francesca Zampone).

Milena ha frequentato con me il Master, ci siamo piaciute subito: il suo sorriso dolce e la sua spontaneità mi hanno conquistato; è stata una delle prime persone con cui ho iniziato a parlare e si è creato immediatamente un buon feeling.
Milena è olandese ma è stata a Milano per moltissimi anni e parla italiano (e milanese) meglio di me! Sul suo sito si racconta così: “Il mio amore per l’Italia è nato con una cassetta di Laura Pausini che i miei nonni mi regalarono quando ero bambina. Erano gli anni ’90 e le sue canzoni, che andavano forti perfino in Olanda, mi piacevano tantissimo anche se capivo forse una parola su dieci.
Ora, io non ho mai apprezzato particolarmente la Pausini, ma in questo caso mi sa che mi tocca ringraziarla!

Dopo essersi laureata in comunicazione interculturale ha deciso di trasferirsi a Milano, dove ha lavorato per diversi anni nell’ufficio marketing di un’azienda multinazionale.
Ad un certo punto della sua vita ha capito che il lavoro in azienda iniziava a starle un po’ stretto e così ha trovato il coraggio di lasciarlo e ricominciare da capo percorrendo una nuova strada.
Milena voleva “fare un lavoro che facesse la differenza” e ha deciso di diventare una job coach. La sua missione è quella di supportare le persone alla scoperta del lavoro più giusto per loro, e sai perché le riesce così bene? Perché ci è passata e sa cosa vuol dire!

(ri)cominciare ad amare il mio lavoro

A novembre 2018 abbiamo finito il Master, e alcuni del nostro gruppo stavano iniziando a capire come costruire il loro sito, creare la propria identità lavorativa, etc.
Francesca mi disse che Milena stava cercando qualcuno per progettare il suo logo e mi disse “perché non ti proponi tu?”. Io dissi di si, giurando a me stessa che avrei fatto solo quel lavoro, perché era per un’amica, ma che non avrei più voluto occuparmi di grafica se non per cose strettamente necessarie alla mia promozione. Io volevo fare solo e soltanto la life coach! Come mi sbagliavo…

Io e Milena ci siamo incontrate in un bar in centro poco prima delle vacanze di Natale, faceva freddissimo e ricordo che io ero parecchio agitata, avevo paura che la mia vecchia vita potesse (ri)prendere il sopravvento. Davanti ad un cappuccino fumante abbiamo parlato della sua attività e di quali erano gli elementi e i colori che voleva che la rappresentassero. Io mi sono rilassata e ho capito che forse non era vero che odiavo quel lavoro, semplicemente non mi piaceva come lo avevo fatto fino a quel momento. Parlare con una persona di cui avevo grande stima e fiducia, con cui condividevo i valori e che mi raccontava un progetto affascinante, ha risvegliato in me la voglia di creare qualcosa di bello. Questo è stato l’inizio del mio percorso che mi ha fatto (ri)innamorare della mia professione e che, grazie agli strumenti di coaching, ha assunto una sfumatura più empatica e umana.

MILENA KOK – JOB COACH

Milena ama il mare e la natura, quindi la palette è stata facile da individuare: verde e blu.
Poi bisognava trovare il modo di comunicare la mission: far fiorire le persone accompagnandole alla ricerca del lavoro ideale. Ed ecco che ho pensato ad un cerchio che gira intorno alle iniziali del nome, sbocciando piano piano fino a diventare un bellissimo fiore. I percorsi con Milena funzionano esattamente in questo modo; le persone che arrivano da lei sentono che la loro vita lavorativa è inaridita e non riescono a farla crescere, ma con le domande giuste e gli esercizi sono pronti a fiorire di nuovo e a trovare nuova linfa per i loro progetti.

www.milenakok.it

Milena è così anche nella vita privata, regala sempre punti di vista differenti e parole positive! Dopo quel famoso cappuccino di dicembre, abbiamo deciso di istituire un pomeriggio al mese per vederci, aggiornarci e supportarci a vicenda. Lavorare con lei è stato molto bello e stimolante e, alla fine, mi ha aiutato a trovare la strada per il mio business (ve lo ho detto che brava!). Le sarò sempre grata per avermi dato una spintarella verso il mio nuovo inizio, e adesso non vedo l’ora di aiutare altre professioniste come lei a trovare la loro immagine attraverso un viaggio di scoperta del proprio business.

Milena si è da poco trasferita in un paese nelle Marche, vicino al suo amato mare, quindi i nostri cappuccini sono diventati virtuali, ma sono altrettanto belli! Per fortuna passerà presto da Milano, se vuoi conoscerla ti consiglio di iscriverti ad uno dei suoi bellissimi workshop:

15 maggio – L’unione fa la forza. Una serata sul networking
5 giugno. Prepariamo le valigie. Workshop per lavorare all’estero.

Entrambe le serate saranno nella bellissima cornice di Le spezie gentili.

Condividi: